/

[Dal libro che sto leggendo] Redenzione

4 mins read
Start

Siete pronti per affrontare un doppio viaggio? Da un lato salpiamo da Napoli diretti in Messico e dall’altro ci stiamo per imbarcare per tornare in Italia. La differenza fra i due viaggi sono 80 anni, il protagonista e un segreto. In un Messico gestito da un regime più interessato ai fasti che lo circondano che alla popolazione che affama e che abbrutisce un conte arraffone trova lo spazio per pilotare un progetto, ufficialmente di scambio, portando dei contadini che nelle nuove terre dovrebbero trovare nuove opportunità e che in cambio diffonderanno il loro sapere. Il problema di fondo è nel tipo di contadini che sono stati selezionati. Ma questo ve lo spiegherà Lucio Doria, nel mentre fa i bagagli e se tendete l’orecchio potreste sentire l’uragano che sta arrivando. Lucio ha deciso di rivedere quella città che ha lasciato ottant’anni prima. Porta con se poche cose e anche l’oscuro segreto di cui sopra. Ma non sarà un soggetto facile da gestire. Ha deciso e lo dice anche subito che, questa, è una storia che racconterà a modo suo. A noi non resta che sederci e seguire le peregrinazioni dei suoi pensieri.

Venticinque sono gli anni che sono serviti a Paco per scrivere questa storia che è decisamente sintetica, non è un tomo. Ma c’è un motivo e lui ci tiene a farlo sapere al suo pubblico ogni volta che ne parla dicendo che ci sono storie facili, che nascono e che facilmente si raccontano. Ci sono storie invece che vedi, sai che ci sono, le senti che ti seguono, ma fanno le ritrose e non si lasciano narrare, un po’ come se Lucio Doria pretendesse più attenzione delle altre. Io non ho letto molti dei tanti scritti di Paco, ma lui riesce a rimanerti nella testa, a conquistare i nonni rivoluzionari e i loro nipoti – come diceva a Roma lo scorso anno – perché ha il magnetismo dell’intellettuale di una volta. Paco non ti deve convincere di una realtà o di un’altra. Buona parte delle sue storie tangono la Grande Storia che lui conosce e di cui scrive e che diventa il brogliaccio dove muovere personaggi veri e inventati ed è impossibile rimanere indifferenti.
Ma dei dettagli riparleremo in recensione, per ora, oggi Angela e Giovanni Cannucciari (con il sottofondo musicale di Giovanni Cannucciari che è uomo dalle mille sorprese) ci leggeno le prime pagine di questa nuova avventura. 

Buone letture e buon ascolto,
sotto il calendario della settimana e i riferimenti del libro!
Simona Scravaglieri 


Le prime pagine di Redenzione lette da Angela e Giovanni Cannucciari

Questo brano è tratto da: 

Redenzione 
Paco Ignacio Taibo II
La nuova frontiera, ed. 2018
Traduzione a cura di di Bruno Arpaia
Collana “Liberamente”
Prezzo 14,50 euro 

Vi invito a seguire sui social tutti i blog e i canali per rimanere aggiornati e in aggiunta vi segnalo anche il blog di #blognotes libri, il Tè tostato di Laura Ganzetti Maria Di Cuonzo, Andrea di Un antidoto contro la solitudine e Diana di Non riesco a saziarmi di libri

Simona Scravaglieri

Accumulatrice seriale di libri, amante di quelli particolarmente vecchi, continua ad avere una sola libreria organizzata di libri letti. Le altre? Che sia il caso a decidere che cosa leggerà di nuovo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Cronaca della nascita di un percorso di lettura nella casa sconclusionata

Previous Story

Dalla sòla ad adottare una parola. Cronaca del perché i libri brutti ci aiutano ad apprezzare la lingua italiana...

Latest from Contributi