Alcune mie vite

1 min read
Start
“Non ho diritto di parlare per nessun altro, eccetto forse per quelli morti alla Kolyma. Voglio esprimere la mia opinione sul comportamento umano in determinate circostanze, e non per dare lezione a qualcuno. Ma penso che chiunque legga le mie storie si renda conto di quanto siano futili le vecchie idee della letteratura tradizionale”

da “Il gulag secondo Salamov”, dicembre 2003

Simona Scravaglieri

Accumulatrice seriale di libri, amante di quelli particolarmente vecchi, continua ad avere una sola libreria organizzata di libri letti. Le altre? Che sia il caso a decidere che cosa leggerà di nuovo.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

"Hackers.I ribelli digitali", Paolo Mastrorilli - Un libro per tutti

Previous Story

Una bella serata...